Logo stampa
Terre di Faenza - Benvenuto nel sito ufficiale di informazione turistica di Terre di Faenza - Home Page
 
Benvenuto nel sito ufficiale di informazione turistica di Terre di Faenza
 

Sarna



Comune: Comune:Faenza

LocalitÓ: strade di campagne della zona compresa fra Sarna e Marzeno

Ufficio informazioni turistiche di riferimento: I.A.T. Faenza

Itinerari dettaglio: Con la bici normale (da cittÓ o da cicloturismo o da corsa) ci si attiene all'itinerario seguente: si esce da Faenza su lato sud, con la provinciale n.16 "Modiglianese" ma la si abbandona quasi subito per voltare a destra per via Sarna. Si percorre quest'ultima fino al bosco dei Canalacci e, costeggiatolo tutto, si volta a destra per via Chiusa di Errano. Al successivo incrocio si prosegue dritto - Ŕ consigliata una breve deviazione alla sottostante Chiusa idraulica sul Lamone, con passerella sopra il manufatto omonimo, degli anni '30 ma recentemente ben restaurato - per via Galamina, che sbuca sulla via Sarna presso il cimiterino della pieve. Da qui - magari con intermezzo - visita all'interessante chiesa - si imbocca l'itinerario di ritorno, a sinistra per un paio di km fino al bivio poco prima di Villa Gessi dove si volta a destra per via Tuliero. Quest'ultima riporta sulla provinciale 16 "Modiglianese" dopo aver attraversato un piacevole pezzo di campagna, con l'abitato moderno di Borgo Tuliero.
Con la mountain bike Ŕ invece consigliata, da Sarna, la salita per via Marazzi, inizialmente asfaltata, poi sterrata e ripidissima nel tratto finale, che raggiunge la dorsale spartiacque con il torrente Marzeno. Voltando qui a destra si scende a Marzeno per via Pian di Vicchio, con belle vedute sui calanchi; a sinistra invece si passa sotto il "quercione di Sarna" (grande roverella proprio in cima ad un colle rotondo) e, sfiorata una pianetta con veduta panoramica su Faenza, si scende ripidissimi per una carraia fra i campi fino ad una casa colonica con tre querce. Da qui a sinistra si continua a scendere ai bordi di un vigneto e si sbuca infine su una delle diramazioni che portano tutte il nome di Via Babaccia (questa confluisce in via Tuliero nei pressi del Castelletto di villa Gessi); oppure proseguendo dritto si percorre tutto il crinale fra Lamone e Marzeno, oltrepassando la localitÓ Belvedere e scendendo infine a Borgo Tuliero per via Cornacchia.

 

Data ultimo aggiornamento: 27/11/2013