Logo stampa
Terre di Faenza - Benvenuto nel sito ufficiale di informazione turistica di Terre di Faenza - Home Page
 
Benvenuto nel sito ufficiale di informazione turistica di Terre di Faenza
 

Natura e sport


Fig.1: Paesaggio

A pochi chilometri da quel confine antico tra collina e pianura che Ŕ la Via Emilia, l'Appennino Faentino offre una cornice naturale rara ed un patrimonio incredibilmente vario di fauna, flora ed affioramenti geologici.
Collocata al centro delle "Terre di Faenza", a cavallo delle vallate del Lamone, del Senio e del Santerno, Il Parco della Vena del Gesso romagnola si presenta come una vera e propria catena montuosa di bassa quota costituita da un susseguirsi di scoscese rupi gessose. Queste particolari rocce, col trascorrere del tempo, hanno subito l'azione modellatrice dell'acqua originando innumerevoli fenomeni carsici, tra i quali quasi duecento grotte: di queste la Tana del Re Tiberio (attualmente chiusa per lavori) - presso Borgo Rivola - e la Grotta Tanaccia - non lontana da Brisighella - sono forse le pi¨ importanti, anche per essere state frequentate fin dall'epoca preistorica. La Vena del Gesso ospita inoltre una flora particolarmente diversificata - che annovera anche la rarissima Falcetta persiana - e una ricca fauna nella quale spicca la presenza del Gufo reale, dell'Istrice e di numerose specie di pipistrelli.
Il Parco CarnŔ, situato nei Gessi brisighellesi, rappresenta uno degli angoli pi¨ suggestivi della Vena del Gesso e dell'intero Appennino Faentino: tale area tutelata risulta tra l'altro particolarmente vocata alla divulgazione naturalistica, attivitÓ promossa soprattutto da associazioni e cooperative, quali Pangea o Atlantide, che propongono escursioni, soggiorni e corsi a sfondo naturalistico e culturale. La fascia compresa tra i Gessi e la pianura dispiega poi il suggestivo paesaggio dei calanchi romagnoli, creati dall'erosione meteorica di rocce argillose che la gente di qui chiamava "terra da far brocche".

 
Fig.2: Paesaggio

Una eccellenza particolare del territorio Ŕ legata alla cultura, passione ed amore per le erbe. A Casola Valsenio, comune che oggi si fregia del titolo di "paese delle erbe e dei frutti dimenticati", una solida ed antica attivitÓ economica e culturale sorta attorno alle piante officinali ha favorito la nascita del Giardino delle Erbe, la realizzazione della Strada della Lavanda, appuntamenti classici come il Mercatino serale estivo, Erbeinfiore e la Festa dei Frutti Dimenticati ed una cucina che si Ŕ rinnovata, proponendo, grazie all'uso delle erbe aromatiche, piatti leggeri, gradevoli e salutari che seguendo il passo delle stagioni, riavvicinano l'uomo alla natura.
Non Ŕ da meno il ruolo attivo delle istituzioni: il Museo Civico di Scienze Naturali di Faenza, incorniciato da un Giardino Botanico, ospita interessanti raccolte di fossili e di animali imbalsamati provenienti dal territorio faentino. Una menzione speciale merita infine il Progetto Life Ambiente TORRE il quale, attraverso finanziamenti privati, pubblici ed il contributo dell'Unione Europea, ha consentito il recupero di una cava abbandonata nella zona di Oriolo dei Fichi riqualificandola ad oasi attrezzata per l'osservazione di rare specie di uccelli, tra cui il variopinto Gruccione.

 
Link di interesse
Data ultimo aggiornamento: 6/02/2009